fbpx

 

DIRITTO MILITARE - DIRITTO PENALE MILITARE - CONCORSI PUBBLICI - DIRITTO DEL PUBBLICO IMPIEGO

MILANO - ROMA - VERONA

Articolo 11 e idoneità ai test psicoattitudinali

Articolo 11 e idoneità ai test psicoattitudinali

Nei concorsi per entrare a far parte delle forze armate e forze di polizia come carabinieri, guardia di finanza e polizia, i test psicoattitudinali rappresentano una delle sfide più impegnative e competitive per molti giovani aspiranti. Insieme alle prove fisiche e teoriche, i candidati si trovano ad affrontare uno degli ostacoli più insidiosi e meno prevedibili: i test psicoattitudinali. Una eventuale esclusione a causa di questa prova viene anche conosciuta come esclusione ai sensi dell’art. 11 del bando di concorso. Questi test sono concepiti per sondare la resilienza mentale, l'equilibrio emotivo, le capacità di leadership e il potenziale comportamentale dei candidati inseriti nel contesto in cui andranno ad operare, fattori critici per chi aspira a ricoprire ruoli nelle forze armate e nelle forze di polizia sia ad ordinamento militare che ad ordinamento civile. 

 

Quali sono le tipologie di test psicoattitudinali?

I test psicoattitudinali utilizzati nei concorsi per l'accesso alle forze armate, e più in generale nelle selezioni per ruoli che richiedono elevate capacità mentali, emotive e di problem-solving, variano ampiamente in funzione degli specifici requisiti e delle competenze richieste. Tuttavia, esistono alcune categorie di test che sono comunemente impiegate per valutare le diverse dimensioni della personalità, delle capacità cognitive e del comportamento dei candidati.

Ecco i principali:

  1. Test di Intelligenza e Logica

- Test di QI: Misurano il quoziente intellettivo generale, includendo sottotest verbali, numerici, di ragionamento logico e spaziale.

- Test di logica deduttiva e induttiva: Valutano la capacità di dedurre informazioni o di identificare pattern in sequenze di numeri, lettere o figure.

 

  1. Test di Personalità

- Inventario di Personalità: Come il MMPI (Minnesota Multiphasic Personality Inventory) o il Big Five, per esplorare tratti come l'apertura, la coscienziosità, l'estroversione, l'aggradevolezza e la stabilità emotiva.

- Questionari Situazionali: Presentano scenari specifici per valutare le reazioni e le scelte comportamentali in determinate situazioni.

 

  1. Test Attitudinali

- Test di Attitudine Specifica: Valutano competenze specifiche rilevanti per il ruolo, come capacità matematiche, verbali, tecniche o meccaniche.

- Assessment di Gruppo: Simulazioni di gruppo per valutare le capacità di lavoro di squadra, leadership, gestione dei conflitti e comunicazione.

 

  1. Colloqui Motivazionali e di Valutazione

- Colloqui Strutturati: Domande mirate a comprendere le motivazioni, gli interessi e gli obiettivi di carriera del candidato.

- Assessment Center: Una combinazione di esercizi individuali e di gruppo, presentazioni e interviste per una valutazione complessiva.

 

Una precedente idoneità psicoattitudinale può costituire motivo di illegittimità in un eventuale ricorso?

In un recente caso, prendendo spunto dalla sentenza del T.A.R. Lazio sez. I del 25/01/2023 n. 1279 , un candidato ha partecipato al concorso pubblico per l'assunzione di 1515 Allievi Agenti della Polizia di Stato, venendo escluso a seguito di una valutazione psicoattitudinale che ha riscontrato una media globale inferiore a 12/20. Contestando il giudizio di non idoneità e la mancata trasparenza nell'accesso ai propri test e alle relative valutazioni, ha proposto un ricorso al TAR, sollecitando un esame approfondito delle modalità di valutazione e l'accesso ai materiali di test.

Un altro aspetto importantissimo che è stato affrontato dal collegio è stata anche la questione delle precedenti valutazioni ricevute dai candidati in contesti simili o diversi, come nel caso di servizio militare o in altre forze di polizia. In particolare, il ricorrente aveva ricevuto una valutazione positiva in precedenti contesti, inclusa la sua esperienza nell'Esercito Italiano e come guardia giurata, e aveva ottenuto una valutazione di idoneità psico-attitudinale in un diverso concorso per l'accesso alla Polizia Penitenziaria.

Il TAR ha sottolineato che, sebbene il candidato avesse superato con successo le valutazioni in altri contesti, ciò non implica automaticamente che debba essere considerato idoneo in tutti i concorsi. Ogni concorso, ha requisiti specifici e valuta l'idoneità dei candidati in funzione delle particolari esigenze e delle peculiarità del ruolo per cui si concorre. Pertanto, la valutazione di idoneità psico-attitudinale in un concorso non costituisce un elemento vincolante per altri concorsi, poiché ciascuna procedura di selezione mira a identificare le competenze e le attitudini specifiche necessarie per il ruolo specifico in questione.

In altre parole, è stato evidenziato come le valutazioni positive ottenute in precedenza non possano essere utilizzate come argomentazione per contestare una valutazione negativa in un contesto diverso. Questo principio è da collegarsi alle diverse funzioni e mansioni all'interno delle diverse istituzioni che richiedono una gamma di competenze e attitudini specifiche, che devono essere valutate caso per caso attraverso processi selettivi mirati.

Il Collegio ha quindi rigettato il ricorso evidenziando come il processo di valutazione psicoattitudinale si basi su criteri predeterminati e su una valutazione complessiva che include sia test collettivi sia individuali, oltre a un colloquio con la Commissione. La sentenza sottolinea l'importanza della discrezionalità tecnica della Commissione nel valutare l'idoneità psicoattitudinale dei candidati, considerando la specificità e le esigenze del ruolo di Polizia.

 

Considerazioni Finali

La sentenza del T.A.R. Lazio affronta tematiche di rilevanza cruciale per tutti coloro che aspirano a entrare nelle forze armate e forze di polizia, evidenziando il delicato equilibrio tra la valutazione oggettiva delle competenze e la necessità di assicurare processi selettivi equi e trasparenti. Tuttavia, ogni ricorso deve essere affrontato a se stante ed ogni caso deve essere trattato in modo isolato, pur tenendo a mente quelli che sono stati i casi trattati in precedenza.

 

Come contattare gli Avvocati Carbutti e Maiella

Per assistenza o per fissare una consulenza, CONTATTA subito lo Studio Legale Maiella e Carbutti all’indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. ovvero al numero 351-8799894 (avv. Maiella) oppure al numero 345-2238661 (avv. Carbutti) ed inviaci il provvedimento di esclusione per un'attenta valutazione del caso. 

Per saperne di più sui CONCORSI PUBBLICI e gli altri istituti di DIRITTO AMMINISTRATIVO MILITARE consigliamo anche il nostro MANUALE ESPLICATIVO DI DIRITTO MILITARE (Per maggiori info sul manuale e sui contenuti clicca qui).

 

Ti potrebbe interessare anche...

Giu 04, 2022 2892

Requisiti - Fasi - Consigli pratici sul concorso di Volontario in Ferma Prefissata di 1 anno (VFP1)

Con cadenza annuale viene indetto un concorso per Volontari in Ferma Prefissata di 1 anno… Leggi tutto...
Gen 16, 2022 2000

Il mobbing nelle Forze Armate e Forze di polizia

Breve video illustrativo del mobbing nelle Forze Armate e nelle Forze di polizia ad… Leggi tutto...

Guarda anche i nostri approfondimenti VIDEO

I nostri Video esplicativi

Ciao! Contatta via WhatsApp gli avvocati Maiella e Carbutti oppure scrivi studiolegale.cm@hotmail.com

Contattaci
Close and go back to page